Belgio, nuovo focolaio a scalo di Liegi

Un nuovo focolaio d’infezione da coronavirus è stato identificato in Belgio fra il personale di Swissport Cargo, la società che tratta circa un quarto delle merci in arrivo e in partenza dall’aeroporto di Liegi. Fra la cinquantina di dipendenti che si occupano dell’amministrazione della società, che impiega 200 persone, 21 sarebbero stati testati positivi. I contagiati sono stati messi in quarantena e i locali completamente disinfettati. Il calo del personale disponibile ha portato al dirottamento di alcuni voli verso altri aeroporti, ha indicato il portavoce dello scalo.
    Dall’inizio della crisi l’aeroporto di Liegi è un nodo centrale nella distribuzione di materiale medico nel Paese e in Europa.
    Nelle ultime 24 ore le autorità sanitarie hanno identificato 71 nuove infezioni. Gli ingressi in ospedale sono stati 17, le dimissioni 21, portando il totale dei ricoverati a 397. Di queste, 84 sono in terapia intensiva (+2). Sono 6 i nuovi decessi, la metà nelle case di riposo. Le vittime sono 9.661.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte