Birmania: partito Suu Kyi si proclama vincitore elezioni

(ANSA) – BANGKOK, 09 NOV – Il partito di Suu Kyi ha
rivendicato una “vittoria a valanga” nelle elezioni legislative
tenutesi ieri, e conta di conquistare ancora più seggi di quanti
ottenuti nel trionfo del 2015. Lo ha annunciato il portavoce Myo
Nyunt, mentre i risultati definitivi non sono ancora stati
compilati dalla Commissione elettorale.
    Dati interni della “Lega nazionale per la democrazia” di Suu
Kyi danno la maggioranza assoluta al partito della “Signora”,
ben di più dei 322 seggi necessari per formare un governo e con
la possibilità che venga superata anche la quota di 390 seggi di
cinque anni fa. In palio ci sono 315 seggi nella Camera bassa e
161 in quella alta. In entrambe, la Costituzione assegna ai
militari un quarto dei seggi.
    Le elezioni si sono tenute in un clima di forte consenso
interno per Aung San Suu Kyi, che guida di fatto il governo,
nonostante il precipitoso crollo della reputazione della “Signora” per il suo rifiuto di smarcarsi da posizioni
nazionaliste sulla questione del trattamento dei musulmani
Rohingya.
    Circa 2 milioni di elettori, concentrati nelle zone dove era
probabile la vittoria di partiti espressione delle minoranze
etniche, non hanno potuto esprimere la loro preferenza dopo
l’annullamento del voto per questioni di sicurezza in aree che
hanno visto violenze negli ultimi mesi. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte