Coronavirus: nel Piacentino commemorazione sindaco morto

Il Comune di Ferriere (Piacenza), nell’Alta Valnure, ha
intitolato la sala consiliare a Giovanni Malchiodi, sindaco
morto il 21 marzo, a 61 anni, per il Coronavirus. L’occasione è
stata anche un momento di commemorazione.
    “Sono qui per dovere istituzionale e personale- ha detto il
presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini – e
per rappresentare tutta la regione, che vuole abbracciare la
famiglia e la comunità di Ferriere che ha pagato un prezzo
altissimo alla pandemia. Giovanni era una persona onesta,
perbene, buona. Partiva sempre dalle cose che andavano, offriva
sempre un elemento di fiducia. Spero che questa vicenda
drammatica ci aiuti a recuperare la bontà delle relazioni
umane”. Malchiodi era diventato sindaco di Ferriere nel 2013, dopo
aver ricoperto per un mandato il ruolo di vicesindaco. Era stato
poi riconfermato alle Amministrative del 2018 per un secondo
mandato. La decisione di intitolargli la Sala consiliare è
stata presa nel corso della prima seduta del Consiglio comunale,
convocata dal vicesindaco reggente Paolo Scaglia, che si è
tenuta dopo la scomparsa di Malchiodi. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte