Coronavirus: Spagna, 53 mila bandiere in ricordo vittime

Non si fermano i contagi nel mondo, giunti a quota 35 milioni. Parigi si prepara a chiudere bar e ristoranti, mentre in Spagna si ricordano le vittime del coronavirus con una distesa di bandiere per ogni vita portata via dalla pandemia e a Londra il premier boris Johnson avverte i cittadini: la strada sarà “accidentata fino a Natale”.

Quasi 35 milioni di casi nel mondo I casi accertati di Covid-19 nel mondo hanno raggiunto la soglia dei 35 milioni, secondo il conteggio della Jhon Hopkins University: 34.928.536, per la precisione, mentre il numero dei decessi, aggiornato alle 10.23 italiane, è di 1.033.511. Il Paese con il maggior numero di contagi e vittime è ancora di gran lunga gli Stati Uniti, con 7.382.944 casi accertati e 209.394 morti.

Parigi peggiora e si prepara a chiusura bar Non c’è stata l’inversione di tendenza che il ministro della Salute, Olivier Véran, aveva detto di voler vedere in questi giorni per evitare che Parigi e l’Ile-de-France scivolassero da zona rossa a zona di massima allerta sanitaria, come Marsiglia e Aix-en-Provence. Già questa sera, lo stesso Véran, potrebbe annunciare la chiusura da domani dei bar della capitale mentre i ristoranti sperano di sfuggire in extremis a questa misura con un protocollo più rigido per l’accoglienza dei clienti. Le ultime cifre hanno mostrato che la curva di crescita dei contagi non conosce sosta, con quasi 17.000 casi positivi nelle ultime 24 ore, un record.

Johnson, strada accidentata fino a Natale e oltre Il primo ministro britannico Boris Johnson ha riconosciuto che, sul fronte pandemia da coronavirus, la strada può ancora risultare “accidentata fino a Natale e oltre”. Lo ha detto durante un’intervista alla Bbc . “Capisco la stanchezza della gente… ma dobbiamo lavorare insieme – ha aggiunto – seguire le indicazioni e contenere il virus, continuando allo stesso tempo a far muovere l’economia”. 

In Spagna 53 mila bandiere in ricordo vittime Per onorare le vittime spagnole del Covid-19, nel corso della notte sono state esposte su una spiaggia nel comune valenziano di Alboraya oltre 53.000 bandiere della Spagna. Lo riferiscono i media spagnoli, mostrando diverse foto della enorme distesa di bandiere, tutte uguali e di piccole dimensioni, piantate nella sabbia. Il quotidiano Abc scrive nel suo sito web che si tratta di una iniziativa dell’associazione nazionale delle vittime Anvac, che ha avuto inizio nei giorni scorsi a Madrid e ora viene riproposta in altri centri del Paese, affinché il dramma della pandemia non cada nell’oblio. Allo stesso tempo, a mezzogiorno è stato osservato un minuto di silenzio in memoria delle persone uccise dal coronavirus. Secondo il conteggio della John Hopkins University, i casi di Covid-19 registrati in Spagna sono ad oggi 789.932 e mentre i decessi sono 32.086.

In Islanda richiudono bar, palestre e discoteche L’Islanda ha annunciato nelle scorse ore una stretta sulle misure anti covid, per contrastare una netta rimonta dei casi che si registra dalla metà di settembre. A partire da domani tornano quindi in vigore alcune delle restrizioni già adottate nel paese nella scorsa primavera: viene quindi ripristinata chiusura di palestre, bar e discoteche e il divieto di assembramenti oltre le 20 persone “per due o tre settimane”, ha riferito il ministero islandese della Sanità.


Fonte originale: Leggi ora la fonte