Essere se stessi sui social ci fa sentire meglio

Essere se stessi sui social è segno di benessere psicologico e l’autenticità online aiuta a sentirsi meglio. È quanto emerso da uno studio di Erica Bailey della Columbia University a New York, pubblicato sulla rivista Nature Communications.

Si stima che quasi 4 persone su 5 usino un qualche social e che i tre quarti di questi lo facciano su base quotidiana; l’impatto di questa abitudine sulla psiche individuale può essere rilevante. Per questo gli autori hanno studiato l’autenticità delle informazioni postate su Facebook da un campione di 10.560 individui, confrontando il quadro psicologico emerso dall’analisi di questa attività con i risultati ai test standard di personalità cui ciascun volontario è stato sottoposto.

I partecipanti hanno anche compilato un questionario ad hoc per misurare il proprio benessere psichico, chiamato test ‘Life Satisfaction’. Ebbene è emerso che quanto più l’attività su facebook era in linea coi risultati ai test di personalità, maggiore era il benessere psichico riscontrato con il test Life Satisfaction. Nella seconda parte dello studio, poi, gli esperti hanno chiesto a una piccola parte del campione di scrivere post autentici sul social ed hanno visto che questa attività si associa a un aumento del benessere psichico riportato da ciascuno.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte