Gli antichi frutti d’Italia s’incontrano a Pennabilli, tredicesima edizione…”speciale” il 26 e 27 settembre

LA STORIA – Si replica ogni anno a settembre, a Pennabilli l’evento voluto e ideato dal maestro Tonino Guerra e dedicato agli Antichi Frutti d’Italia. La prima edizione risale al 2007. Questo appuntamento autunnale è, soprattutto oggi, un invito ad avere “devozione per la terra”, come ripeteva spesso il maestro, definito da Elsa Morante “Omero della civiltà contadina”.

IL MERCATO – Il mercato dei Frutti Dimenticati, dell’Artigianato Qualificato, dei prodotti eno-gastronomici di Valmarecchia-Montefeltro e il tema della biodiversità, sono il cuore della festa: vivai specializzati propongono alberi da frutto e banchi colmi di infiniti generi e ricchezze naturali. Il mercato è affiancato dall’importante Mostra Pomologica, che presenta una preziosa esposizione di anitche varietà, provenienti da diverse Regioni italiane e collocata in una chiesa del XVIII sec

GLI INCONTRI – Nel borgo medievale di Pennabilli, in occasione della manifestazione, hanno luogo mostre tematiche, convegni ed incontri su antichi frutti, biodiversità, agricoltura, paesaggio, tradizioni contadine, eno-gastronomia regionale. Nelle recenti edizioni si è aggiunto un appuntamento fisso: il premio “Una foglia contro i fulmini” -dal titolo di un testo di Tonino Guerra- consegnato agli ospiti che si avvicinano per sentimento, per attività, o per progetti e idee, alla poetica di Tonino Guerra. Ad esempio, Andrea Guerra, presidente dell’associazione dedicata al padre, ha consegnato il premio al maestro Ezio Bosso ed allo scrittore, poeta, regista Luis Sepùlveda.

GLI SPETTACOLI – A completare l’offerta al pubblico presente, animano le giornate, eventi artistici e culturali di alta qualità come: lettura di poesie, presentazione di libri, proiezioni cinematografiche, esibizioni di musica tradizionale e popolare dal mondo, e la presenza di artisti d’eccellenza.

I LABORATORI – Ogni anno, nel corso delle due giornate, adulti e bambini possono partecipare a laboratori di artigianato. Ad esempio: lavorazione di cesti in vimini, decorazioni su stoffa con antichi stampi in legno; oppure possono esplorare attività creative come il tradizionale laboratorio di aquiloni a cura de “Le contrade di Urbino”.

LE ESCURSIONI – La collaborazione con MUSSS – centro visite del Parco del Sasso Simone e Simoncello, prevede escursioni guidate alla scoperta del territorio e degli antichi borghi, “paradisi montanari” sparsi nelle campagne di Pennabilli; sono previste inoltre visite agli orti locali, come, ad esempio, “Ortoamico Casa Fanchi – Giardino di biodiversità”. In aggiunta, sono organizzate passeggiate poetiche al museo diffuso “I luoghi dell’anima”: luoghi che ci invitano a “fermare la nostra fretta e aspettare l’anima”.

I RISTORANTI – Tonino Guerra sosteneva che quando ci si trova di fronte alla familiarità dei piatti tradizionali, si rivive l’infanzia. I ristoratori di Pennabilli, i banchi di prodotti eno-gastronomici regionali e locali, propongono piatti a base di prelibatezze della tradizione, genuini e con un tocco di stuzzicante originalità.

I LUOGHI – I cosiddetti “luoghi dell’anima” e le vie del centro storico dell’antico borgo del Montefeltro, ospitano le diverse attività: l’Orto dei Frutti Dimenticati, la sede dell’associazione culturale e museo “Il mondo di Tonino Guerra”, la settecentesca chiesa di San Filippo, la rocca del Guasto Malatestiano, sede dell’antico castello di Penna e della “campana di Lhasa”.

“Vi aspettiamo per regalarvi i sapori dell’infanzia” (Tonino Guerra)

Lascia un commento