I testi inchiodano Esposito: ?”Farò un mazzo a Berlusconi. Una chiavica”

Le carte presentate in esclusiva da Il Riformista e gli audio inediti di Quarta Repubblica della scorsa settimana hanno messo in discussione tutto. Dalla giustizia alla Storia degli ultimi sette anni (almeno). La sentenza per la vicenda dei diritti tv che condannò Silvio Berlusconi al carcere nel 2013, infatti, si è scoperta essere una sentenza assolutamente sbagliata e faziosa. Addirittura orchestrata dall’alto. Lo dicono le intercettazioni ambientali e le registrazioni consegnate alla Corte di Strasburgo.

In questa ultima settimana, tutto il centrodestra si indignato per lo scandalo, mentre dalla sinistra non è arrivato neanche un timido messaggio se non da Matteo Renzi. Tutti in silenzio nonostante sia ormai chiaro che contro il Cav ci sia stato “un plotone di esecuzione”. Negli audio fatti ascoltare in diretta da Quarta Repubblica si sente la voce dell’ormai defunto Amedeo Franco, relatore della causa, passata nella sezione feriale della Cassazione presieduta dal magistrato Antonio Esposito, dire cosa è successo in quei giorni.

Amedeo Franco ammette chiaramente che non avrebbe voluto la condanna di Berlusconi, non voleva firmare le motivazioni. Ma c’è stata una pressione da colleghi e dall’alto. Il giudice, parlando con Silvio Berlusconi, definisce ciò che è accaduto come una “grave ingiustizia”, di una “vicenda guidata dall’alto”, di una sentenza emessa da un “plotone di esecuzione” che non era la sezione destinata a celebrare il processo. Esposito – ricordiamo – presiedeva la sezione feriale, quella chiamata a sbrigare le urgenze estive. “Hanno fatto una porcheria, che senso ha mandarla alla sezione feriale? Una questione così delicata…”, si sente nell’audio.

Nelle intercettazioni ambientali consegnate alla Corte di Strasburgo, il magistrato Franco definisce la sentenza di condanna “una porcheria” perché “Berlusconi doveva essere “condannato a priori. Il magistrato, quindi, ribadisce che se avesse saputo di “questo plotone di esecuzione mi sarei dimesso, mi sarei dato malato. Non volevo essere coinvolto in questa cosa”. Le parole sono chiare. Ma ora c’è qualcosa in più.

Le tre testimonianze choc

Questa sera, infatti, a Quarta Repubblica sono spuntate altri documenti-video choc. Ma questa volta riguardano direttamente Antonio Esposito, il presidente del collegio di Cassazione che nel 2013 condannò Berlusconi in via definitiva. Si tratta di tre testimonianze raccolte dalla difesa di Berlusconi negli anni scorsi con regolari indagini difensive e consegnate a suo tempo alla Corte di Strasburgo.

Le testimonianze sono di tre persone persone che lavoravano con diverse mansioni in un hotel di Ischia dove Esposito andò in vacanza più volte, fra il 2007 e il 2010. Quindi, anni prima della Cassazione e della “porcheria”. Nei video mostrati in diretta da Nicola Porro – registrati durante l’interrogatorio difensivo del 3 aprile 2014 – si vede come tutti e tre – lo chef, il cameriere, l’addetto al bagno termale – raccontano come Esposito fosse solito definire Berlusconi “una chiavica”, una fogna. Epiteto confermato da tutti e tre i testi. E nel video mostrato a Quarta Repubblica si vede (e sente) chiaramente. “Se mi capita, gli devo fare un mazzo così a Berlusconi”, riferisce uno dei tre testimoni in merito a quanto detto da Esposito in un’altra occasione. E un altro commenta sempre nell’interrogatorio difensivo: “Poi lo ha fatto davvero”.

Per correttezza, spieghiamo anche che l’hotel in questione apparteneva a un onorevole di Forza Italia. E a quanto sembra, Esposito ironizzava (noncurante del contesto) sul partito del Cav con frasi del tipo: “Come si fa a stare con questi qua?”. Quindi, sembrava proprio essere convinto delle sue parole…



Fonte originale: Leggi ora la fonte