Riciclano denaro truffe online su carte prepagate, 7 denunciati

(ANSA) – REGGIO EMILIA, 14 AGO – Dalla provincia di Palermo a
quella di Cuneo passando per quella di Reggio Emilia, il modo di
agire era sempre lo stesso: annunci ‘esca’ online per la
vendita di trattori e attrezzi agricoli, mancata conseqna della
merce comprata da ignari acquirenti, introiti indirizzati ad una
carta prepagata ‘madre’ e poi riciclati attraverso la ricarica
di altre carte prepagate intestate a persone compiacenti. A
interrompere la catena di vendite fantasma – che ha fruttato
decine di migliaia di euro – sono stati i Carabinieri di San
Polo d’Enza, nel Reggiano, che che hanno denunciato sette
persone chiamate a rispondere di concorso di truffa aggravata e
riciclaggio commessi sul’intero territorio nazionale tra aprile
e maggio.
    Alle sette persone – di età compresa tra i 28 e i 58 anni tra
cui un 50enne reggiano – i militari sono risaliti al termine di
una indagine iniziata a fine aprile scorso quando un
agricoltore 60enne ha denunciato di avere acquistato online un
trattore pagandolo 4.000 euro: una volta versato il
corrispettivo sulla carta prepagata fornita dal venditore, però,
non aveva ricevuto nulla, nè era più riuscito a contattarlo.
    Avviando le ricerche i Carabinieri si sono imbattuti in un
50enne torinese, già noto alle forze dell’ordine e hanno
accertato introiti per oltre 30.000 euro risultati provento di
truffe ai danni di decine di persone in tutta Italia. Una volta
ricevuto il denaro veniva riciclati attraverso l’immediata
ricarica di altre carte prepagate “pulite” intestate a persone
compiacenti. Secondo gli uomini dell’Arma potrebbero essere un
centinaio gli acquirenti raggirati. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte