SANTARCANGELO. Contributi a fondo perduto per le imprese danneggiate dall’emergenza sanitaria, ultimi giorni per partecipare

 

Fino al 21 luglio le domande online, 130mila euro a disposizione

Ancora pochi giorni per partecipare al bando destinato alle imprese danneggiate dall’emergenza sanitaria. Il termine per la presentazione delle domande sul sito www.comune.santarcangelo.rn.it scade infatti mercoledì 21 luglio.

Ammontano a 130.000 euro i fondi stanziati dall’Amministrazione comunale per il nuovo bando, dopo che a inizio anno – nell’ambito del bando 2020 – erano stati erogati contributi per un importo complessivo di 121.000 euro a 127 imprese.

I nuovi contributi per aiutare le attività economiche e professionali a contenere gli effetti negativi conseguenti l’emergenza epidemiologica andranno da un minimo di 300 a un massimo 1.000 euro: tutti i dettagli sono riportati nel bando, anch’esso pubblicato sul sito internet del Comune di Santarcangelo.

 

I requisiti richiesti

Possono accedere ai contributi le ditte individuali, i professionisti e le imprese, di qualsiasi forma societaria, attive al 1° gennaio 2021 con sede legale e/o operativa nel comune di Santarcangelo, operanti in qualunque settore che:

  • abbiano conseguito nell’anno di imposta 2019 ricavi inferiori a 800.000 euro (nel caso di periodi di imposta non coincidenti con l’anno solare occorre prendere a riferimento i ricavi conseguiti nel secondo periodo d’imposta precedente a quello in corso al 23 marzo 2021);
  • abbiano subito nel 2020 una riduzione del fatturato e/o corrispettivi (con esclusione del fatturato derivante dalla dismissione di beni strumentali) maggiore o uguale al 20 per cento e inferiore al 30 per cento rispetto all’esercizio precedente.

Sono invece esclusi le imprese e i professionisti che hanno ricevuto contributi dal Comune di Santarcangelo in relazione al bando approvato con delibera di Giunta n. 127 del 16/10/2020, avente per oggetto “Approvazione concessione di contributi a fondo perduto a sostegno delle attività economiche a seguito dello stato di emergenza epidemiologica dovuta al Covid-19 e indirizzi in merito”. L’esclusione vale anche per i destinatari dei contributi previsti dalla Regione Emilia-Romagna, approvati con delibere di Giunta regionale n. 1967 del 21 dicembre 2020, n. 369 del 22 marzo 2021, n. 627 del 3 maggio 2021, n. 647 del 3 maggio 2021.

 

Chi non può accedere al fondo

Sono escluse dalla possibilità di accedere al contributo le imprese che esercitano attività di “compro oro” o con finalità similari, installazione/detenzione di apparecchi da gioco automatici (slot-machines), apertura sale Vlt (video lottery terminal) o altri tipi di scommesse esercitate in maniera esclusiva. Sono altresì escluse le imprese di vendita di armi, munizioni e materiale esplosivo, gli istituti bancari, le agenzie di leasing, attività finanziarie e assicurative, le imprese di vendita esclusiva con apparecchi automatici al consumatore finale. Sono inoltre esclusi i titolari di partita Iva che percepiscono trattamenti pensionistici.

Entità del contributo

Il contributo minimo è fissato in 300 euro, quello massimo è stabilito in 1.000 euro. Qualora le risorse non dovessero essere sufficienti il contributo massimo sarà parametrizzato in base alle risorse disponibili. L’importo del contributo erogato è da considerarsi al lordo della ritenuta del 4 per cento, se e in quanto dovuta.

Termine entro il quale presentare le domande

Le domande di contributo vanno presentate dal 21 giugno al 21 luglio 2021.

Lascia un commento