Ucciso in Mali un ostaggio svizzero

Un ostaggio svizzero detenuto in Mali è morto e “secondo quanto riferito è stato ucciso” dai suoi rapitori, ha reso noto il Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae) svizzero. “È con grande tristezza che ho appreso della morte del nostro concittadino”, ha affermato il consigliere federale Ignazio Cassis, citato in un comunicato, aggiungendo: “Condanno questo atto crudele ed esprimo le mie più sentite condoglianze ai parenti di la vittima”.

L’ostaggio, “a quanto pare, è stato ucciso da rapitori … circa un mese fa”, ha affermato il ministero degli Esteri di Berna in un comunicato. La Svizzera non ha reso noto il nome dell’ostaggio che è stato ucciso, ma ha precisato che era stato rapito dal Gruppo per il sostegno all’Islam e ai musulmani (Gsim), un’alleanza che comprende diversi gruppi jihadisti allineati ad al-Qaeda che ha rivendicato la responsabilità di alcuni dei i più grandi attacchi nella regione del Sahel. Il ministero degli Esteri ha affermato che “le informazioni sull’uccisione sono state ottenute dalle autorità francesi dall’ostaggio francese” Sophie Petronin, tornata in Francia oggi dopo essere stata liberata dagli insorti maliani dopo quasi quattro anni di prigionia e la cui liberazione è stata annunciata ieri assieme a quella degli italiani padre Maccalli e Nicola Chiacchio. Le autorità svizzere “stanno facendo ogni sforzo per saperne di più sulle circostanze dell’uccisione e sul luogo in cui si trovano i resti” dell’ostaggio svizzero, ha detto il ministero.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte