UNIONE VALMARECCHIA. Il segretario del PD contro il sindaco di San Leo Leonardo Bindi e il capogruppo della minoranza di Sant’Agata Feltria Paolo Ricci

 

Il segretario del Pd Filippo Sacchetti nonostante i commenti positivi sulla riorganizzazione dell’Unione Valmarecchia, attacca il sindaco di San Leo, Bindi, e afferma:”Leonardo Bindi ha convocato a stretto giro di posta il consiglio comunale tre volte per ottenere il quorum necessario a deliberare l’uscita dall’Unione, tre sedute che hanno costi che gravano sulla comunità e al termine delle quali ha estromesso dalla sua giunta l’assessora del Pd Francesca Mascella “rea” di aver votato in ogni occasione contro i suoi desiderata. Bene, a distanza di poco più di un mese, il primo cittadino ha approvato in giunta l’atto di indirizzo per il via libera ai sub ambiti e si è impegnato con una lettera inviata all’Unione a riconvocare lo stesso consiglio comunale entro ottobre con all’ordine del giorno la revoca della fuoriuscita dall’ente – afferma Sacchetti – Quando il populismo e gli ‘ordini di scuderia’ fanno a pugni con la realtà, mi verrebbe da dire considerata la caparbietà con cui da più parti gli si evidenziava l’impossibilità di continuare a garantire certi servizi con il solo bilancio comunale. E ora che farà il sindaco, inserirà nuovamente Mascella nella squadra di governo?”

Il segretario del Pd attacca anche il capogruppo della minoranza di Sant’Agata Feltria Paolo Ricci e spiega: “La scorsa settimana, dopo un mio intervento sulla viabilità di vallata in cui mi rivolgevo allo stesso Bindi dicendo che per parlare di temi comuni e Recovery Fund cond andava facendo bisogna stare ai tavoli comuni quali appunto l’Unione, il buon Ricci ha pensato bene di prendere le difese del ‘collega di bandiera’ ricordandomi che il suo Comune aveva deliberato all’unanimità la stessa fuoriuscita e fosse governato da un sindaco del Partito Democratico. Gli risposi che ritenevo un errore quello compiuto dal primo cittadino del mio partito e oggi scopro che a distanza di appena cinque giorni, lunedì 28 settembre, l’intero consiglio ha votato ancora all’unanimità a favore della revoca del precedente pronunciamento. Cose da Scherzi a parte, se come detto a pagarne le conseguenza non fossero poi i cittadini…”.

 

 

Lascia un commento